Contrastare il rischio da esposizione alle radiazioni di gas radon in ambienti di lavoro. Via al Progetto Radon di Asle Rlst con Assoradon

Contrastare il rischio da esposizione alle radiazioni di gas radon

Loading
loading..

Contrastare il rischio da esposizione alle radiazioni di gas radon in ambienti di lavoro. Via al Progetto Radon di Asle Rlst con Assoradon

11 Aprile, 2022
Luisa Rota

No Comments

In occasione della Giornata mondiale della Sicurezza e della Salute sul lavoro del 28 aprile 2022, Asle-Rlst propone il Progetto Radon, per prevenire o ridurre il rischio da esposizione alle radiazioni del gas radon negli ambienti di lavoro. Un kit di approfondimento messo a punto in collaborazione con Assoradon.

Miniguida on line, webinar e incontri di cantiere: tre tipologie di intervento informativo rivolte a lavoratori, datori di lavoro e professionisti del settore edile sul rischio da esposizione alle radiazioni del gas radon.

La proposta si pone l’obiettivo di divulgare le principali informazioni sul rischio da esposizione alle radiazioni del gas radon, presente anche negli ambienti di lavoro.

Progetto Radon si sviluppa in tre fasi:

  • 28 aprile 2022. Pubblicazione on line della miniguida sul rischio da gas radon, realizzata in collaborazione con l’associazione Assoradon. La miniguida potrà anche essere consultata on line e scaricata gratuitamente dal grande pubblico.
  • Incontri di cantiere con gli Rlst di Asle. La miniguida sul rischio da esposizione alle radiazioni del gas radon sarà presentata ai lavoratori dai Rlst di Asle direttamente sui luoghi di lavoro con momenti di informazione dedicati.

Rischio radon in ambienti di lavoro

Sino ad oggi il rischio da esposizione alle radiazioni del gas radon non è ancora stato diffusamente indagato negli ambienti di lavoro. Il radon è un gas radioattivo di origine naturale che si forma nel terreno per il decadimento dell’uranio presente nelle rocce. L’ esposizione alle radiazioni può essere presente quando si opera negli ambienti chiusi o confinati: in edilizia, ad esempio, nei cantieri edili ubicati in galleria o nei seminterrati dove possono esserci radiazioni anche elevate di gas radon. Il rischio può esserci anche negli uffici situati in ambienti chiusi e seminterrati dove i lavoratori permangono per otto ore al giorno.

Necessità di misurazione per conoscere il rischio

In Italia il gas radon è distribuito in modo non uniforme, con alcuni territori che risultano più a rischio di altri. Occorre, dunque,  effettuare sempre, nei luoghi di lavoro, una misurazione ad hoc per rilevare la presenza e l’intensità delle radiazioni da gas radon in un determinato ambiente e la conseguente pericolosità per la salute umana, in base al tempo e ai livelli di esposizione a cui vengono sottoposti i lavoratori.

Legislazione italiana ed esperti professionisti

Anzitutto occorre conoscere la quantità di radon presente negli ambienti e verificare che esso sia al di sotto dei livelli di riferimento previsti dal Decreto Legislativo n. 101 del 31 luglio 2020. L’Esperto di Risanamento e l’Esperto di Radioprotezione sono le figure individuate dal nostro ordinamento per la misurazione della presenza di radiazioni e lo studio degli interventi da mettere in campo per ridurle (art. 15 D. Lgs 101/2020).

Layout mode
Predefined Skins
Custom Colors
Choose your skin color
Patterns Background
Images Background